Occupazione record: a Maggio il valore più alto dal 1977

I dati Istat confermano un trend positivo per il mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione, cioè il numero di persone che cerca un impiego e non lo trova sul totale della forza lavoro, scende al 9,9% e si assesta ai minimi dal 2012. In calo anche quella giovanile, che scende al 30,5%.Il tasso di occupazione, il numero di persone con un impiego sul totale della popolazione, a maggio sale al 59%, il valore più alto da quando sono disponibili le serie storiche, ovvero dal 1977. Il numero degli occupati - rileva l'Istat - ha così raggiunto 23 milioni e 387 mila unità.

Nonostante l’aumento positivo, tuttavia, l’Italia resta fanalino di coda nella speciale classifica UE.

Scorporando il dato sui nuovi posti di lavoro (+67 mila) per tipologia, si registra una crescita in tutte le categorie. Salgono sia i dipendenti stabili (+27 mila) e a termine (+13 mila) sia gli indipendenti (+28 mila). Meno incoraggiante la lettura dei dati analizzando le diverse classi di età: l'aumento degli occupati è fermo nella fascia 15-24 anni, sale di di 12 mila unità in quella 25-34 anni, scende di 34 mila in quella 35-49 mentre cresce vistosamente in quella di over 50.Tornando al tasso di disoccupazione generale, guardando alle serie storiche attuali, il dato si assesta sotto il 10% per la prima volta dal 2012, anche se già ad agosto 2018 (nei dati comunicati ad ottobre), il dato era sceso sotto questa soglia. Dato che però, trattandosi come sempre di numeri provvisori, è stato in seguito rivisto al rialzo.